Hollywood: la mecca del cinema

Fu grazie alle prime proiezioni di Thomas Edison che nel 1896, nasce il cinema americano.
Con l’inizio del ‘900 il cinema cominciò ad imporsi come divertimento, così nel 1905, per la prima volta, a Pittsburg, in un piccolo teatro, venne proiettata una pellicola di breve durata. Pian piano cominciarono ad imporsi vari generi: i più popolari erano quello comico ed il giallo. A New York e Chicago furono aperti i primi centri cinematografici, ma la svolta ci fu a Los Angeles, quando nacque Hollywood.

Il suo successo è repentino e aiutato dalla grande crisi del cinema europeo dovuta al primo conflitto mondiale. In quel periodo, ad Hollywood si produce oltre il 90% dei film di tutto il mondo. Tra il 1920 ed il 1930, sono le produzioni comiche ad imporsi con grande successo ed attori come Buster Keaton, Charlie Chaplin ed il simpaticissimo duo composto da Stanlio e Onlio (Laurel and Hardy) erano allora delle vere stars.

Il primo film sonoro fu prodotto dalla Warner. Fu questa la grande svolta per l’intero mondo cinematografico. Portò alla ribalta nuovi generi come il musical che col tempo, negli Stati Uniti divenne fondamentale.

Altro momento cruciale che segna una svolta nel cinema americano e non solo, fu il technicolor. L’utilizzo dei colori comportava comunque alti costi di produzione ed almeno all’inizio fu utilizzato solo per film importanti, come ad esempio Via col Vento.

La seconda guerra mondiale portò il cinema americano a nuovi cambiamenti, soprattutto nelle tematiche da trattare. Fu allora che si videro le prime riprese in esterna e non solo all’interno degli studi. Dopo il conflitto si cominciò a raccontare la vita quotidiana e la delinquenza giovanile. Così si impose la figura del divo americano, rappresentato al meglio da attori come. James Dean, Burt Lancaster e Marlon Brando e trionfarono generi come il western, il noir ed il thriller. Nuovi registi ebbero il coraggio in seguito di affrontare tematiche delicate mai affrontate prime, come la tossicodipendenza e l’omosessualità ed il razzismo.

Intorno agli anni sessanta il cinema americano subì la forte influenza dei movimenti europei, in particolare quelli francesi, mentre nel decennio successivo si impose il cinema d’intrattenimento che proponeva riprese spettacolari, portando sul grande schermo le storie fantascientifiche a costi elevati tratte spesso da fumetti. Ancora oggi questo tipo di produzioni sono molto in voga e spesso sono utilizzate come ottima formazione per i nuovi registi o autori indipendenti alla ricerca della fama e della gloria che li conduca diretti al dorato mondo di Hollywood.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...